La voce di Andrea Bocelli per i bambini che hanno bisogno di un cuore

La voce di Andrea Bocelli per aiutare i bambini dell’Ospedale Bambino Gesù. La sera del 2 dicembre Bocelli ha cantato in Vaticano  nel concerto La luce dei bambini. L’iniziativa fa parte della campagna Mettici il cuore che  da 4 anni  raccoglie fondi per rinnovare la Terapia Intensiva Cardiochirurgica (TIC) dell’Ospedale pediatrico Bambino Gesù.

E’ stata la nuova campagna di comunicazione istituzionale dell’Ospedale Pediatrico “Bambino Gesù”, firmata da 1861United, agenzia pubblicitaria internazionale e sostenuta dalla famiglia e dal Gruppo Scarpellini. L’iniziativa è nata il 22 ottobre scorso puntando di raccogliere 800.000 euro per realizzare un progetto ambizioso: la nuova Terapia Intensiva Cardiochirurgica (TIC) dell’Ospedale, un centro altamente specializzato per le malattie cardiache in età pediatrica in grado di rispondere in modo adeguato ai nuovi bisogni di cura.

Marco, il primo bambino con un cuore artificiale. Mettici il cuore nasce dall’esperienza di Marco. Il nome è di fantasia, ma la storia è vera. Il 30 settembre 2010, a 16 anni, Marco riceve al Bambino Gesù il primo cuore artificiale permanente, intervento unico al mondo su un paziente pediatrico. Una mini pompa meccanica al posto del cuore, che da allora lo accompagna e lo accompagnerà per tutto il resto della sua vita. “Mi sento come se fossi nato una seconda volta”, dice Marco, che oggi frequenta il liceo, ha tanti amici, è un ragazzo coraggioso e consapevole. Per centrare l’obiettivo e consentire a tanti altri bambini e ragazzi di “rinascere”, il Bambino Gesù chiede a tutti, privati e aziende, di “metterci il cuore” effettuando una donazione.

L’unico reparto in Italia che accogli 600 bambini La Terapia intensiva del Bambino Gesù è l’unico reparto intensivo di cardiologia pediatrica del Centro Italia, in grado di accogliere circa 600 piccoli pazienti ogni anno, in 14 posti letto. Vengono effettuati circa 12 trapianti di cuore e circa 20 assistenze meccaniche per il supporto cardiovascolare. Ogni giorno vengono ospitati nella terapia intensiva fino a cinque pazienti che vengono gestiti da 5 anestesisti di guardia e 8 infermieri. “Sostenere la salute dei bambini è il senso profondo di questo appuntamento che si rinnova quest’anno grazie alla vicinanza solidale di un artista del calibro del Maestro Andrea Bocelli e di tante realtà sensibili che ci consentono, ancora una volta, di coniugare due alte espressioni dell’ingegno umano, musica e ricerca scientifica, mettendole al servizio della salute dei più piccoli – testimonia Giuseppe Profiti, presidente dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù – La nuova Terapia Intensiva Cardiochirurgica sarà il cuore dell’Ospedale e ci aiuterà a rispondere sempre meglio alle richieste dei piccoli pazienti e delle loro famiglie”.

Bocelli in Vaticano tra Shubert e Rossini. Nel concerto la voce di Bocelli accompagnata dall’Orchestra Sinfonica Rossini di Pesaro e dalla Corale Quadriclavio di Bologna, è stata protagonista della quarta edizione del concerto tenutosi nell’Aula Paolo VI in Vaticano il 2 dicembre, alle 20,00. “Anche se il bene non fa notizia – sottolinea Bocelli – chiunque in cuor suo comprende come esso rappresenti, per l’umanità intera, l’unica strada realmente percorribile. Non è semplice rispondere affermativamente al bene: richiede volontà e sacrificio. Schierandosi dalla sua parte però, si può dare il proprio piccolo, grande contributo per migliorare il mondo. Perché il mondo è di chi fa, di chi si appassiona alla vita, di chi sceglie di stare dalla parte del bene, senza paura di mettersi in gioco”. Il cantante ha poi interpretato alcune tra le pagine sacre più popolari ed intense della storia della musica: dall’Ave Maria di Franz Schubert a quella di Charles Gounod, da un estratto dalla Petite Messe Solennelle di Gioachino Rossini a Panis Angelicus di César Franck.

Sul palco. Insieme al Maestro Bocelli, sul palco si sono alternati solisti di fama internazionale come il mezzosoprano Annalisa Stroppa, il baritono Mauro Bonfanti, il soprano Laura Giordano, la violinista Anastasiya Petryshak, il duo chitarristico classico “Carisma”, il cantante Davide Carbone e il giovane attore Giampiero Mancini che ha dato voce ai messaggi di speranza dei piccoli pazienti dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù.

Copyright © freshface 2013